Cerca
  • Proassist Appalti

Codice Appalti, oggi l’approvazione del Governo: ecco quali sono gli ultimi ritocchi


Oggi dovrebbe arrivare l’approvazione del Consiglio dei Ministri del nuovo Codice Appalti, stando a quello che ha annunciato nei giorni scorsi il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio. Il testo dovrebbe essere licenziato con le modifiche proposte dal Parlamento ed essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Entrerà in vigore lunedì 18 aprile.

Ecco quali sono gli ultimi ritocchi possibili:

1) Sul Massimo ribasso

La bozza varata dal governo il 3 marzo dà la possibilità di continuare ad assegnare gli appalti tenendo conto solo del prezzo per tutte le gare di importo inferiore al milione di euro. La soglia è stata giudicata troppo alta dal Parlamento che chiede di confinare il criterio del prezzo agli appalti sotto i 150mila euro. I Comuni e l’Ance ritengono la soglia di un milione troppo bassa, e chiedono di alzarla a 2,5 milioni perché usare l’offerta più vantaggiosa anche per gli appalti di minore importo rischia di rallentare l’aggiudicazione e la cantierizzazione. Possibile soluzione del Governo: Soluzione di compromesso tra la versione della bozza di decreto e la richiesta del Parlamento (500mila euro, una delle ipotesi più accreditate). Eventuali correzioni possono essere fatte con decreto correttivo entro un anno.

2) Sul Subappalto

Il Governo ha cancellato i limiti al subappalto: in questo modo le imprese possono subaffidare anche tutti i lavori, al 100%. Parlamento e Consiglio di Stato hanno chiesto di fissare il tetto del 30% per il subappalto. Il Parlamento chiede di estendere il tetto a tutti i lavori, fino a oggi valeva solo per la categoria di lavori prevalente. Possibile soluzione del Governo: Anche in questo caso, forse il Governo adotterà la soluzione di compromesso.

3) Sui Piccoli lavori

La questione riguarda la possibilità di assegnare senza gara i lavori di importo inferiore al milione. L’affidamento avviene sulla base di un’indagine di mercato e l’invito di tre o cinque impres. Il Consiglio di Stato e il Parlamento hanno chiesto le gare anche per assegnare questi contratti. Possibile soluzione del Governo: Il Governo adotterà la soluzione di compromesso.

4) Sulle Clausole sociali e sulle sanzioni per le concessionarie

Si parla di clausole sociali e sanzioni per le concessionarie che non rispettano la percentuale minima (il Governo ha detto l’80% ma tra due anni) di lavori da mandare in gara. Si tenta di scrivere un Nuovo Codieca Appalti che non imponga alle imprese l’obbligo di assumere il 100% dei lavoratori impiegati nel precedente appalto. Il Nuovo Codice Appalti del Consiglio dei Ministri di marzo non prevede sanzioni in caso di violazione accertata, il Parlamento chiede invece multe fino al 10% dell’importo del contratto.

#nuovocodiceappalti #governo

0 visualizzazioni

SEGUICI SULLE NOSTRE PIATTAFORME SOCIALI

  • Facebook - Black Circle
  • https://www.instagram.com/proassist_
  • LinkedIn - Black Circle

RECAPITO TELEFONICO:  + 39 347 8407704

 

EMAIL: info@proassist.it

PEC: proassist@pec.it

ASSOCIATO DI CONFINDUSTRIA EMILIA E CNA BOLOGNA

SEDE: VIA BUOZZI 18 PIANORO (BO)

© 2020 Proassist | P.IVA 03500121201 | Via Buozzi 18 Pianoro (BO)