SEGUICI SULLE NOSTRE PIATTAFORME SOCIALI

  • Facebook - Black Circle
  • https://www.instagram.com/proassist_
  • LinkedIn - Black Circle

RECAPITO TELEFONICO:  + 39 347 8407704

 

EMAIL: info@proassist.it

PEC: proassist@pec.it

ASSOCIATO DI CONFINDUSTRIA EMILIA E CNA BOLOGNA

SEDE: VIA BUOZZI 18 PIANORO (BO)

© 2019 Proassist | P.IVA 03500121201 | Via Buozzi 18 Pianoro (BO)

Appalti sotto soglia, pronte le linee guida definitive dell’Anac

November 14, 2016

 

L’Autorità nazionale Anticorruzione (Anac) ha pubblicato le linee guida definitive sull’affidamento dei contratti sotto la soglia comunitaria. Come chiesto dal Consiglio di Stato a settembre, le procedure sono state semplificate, soprattutto quelle per gare di modico valore, ad esempio entro i mille euro di importo. Innanzitutto un chiarimento sulla procedura. Le gare per l’affidamento di lavori di importo pari o inferiore a un milione di euro possono essere aggiudicate con il criterio del minor prezzo. Sotto i 40mila euro può avvenire l’affidamento diretto, ma la Stazione Appaltante deve fornire una motivazione adeguata. La motivazione può essere resa in forma semplificata quando l’importo dell’affidamento non supera i mille euro o nel caso in cui gli affidamenti avvengano sulla base di un apposito regolamento, già adottato dalla stazione appaltante, che tiene conto dei principi comunitari e nazionali. L’eventuale possesso dell’attestato di qualificazione SOA per la categoria dei lavori da affidare è sufficiente per la dimostrazione del possesso dei requisiti di capacità economico/finanziaria e tecnico/professionale. I lavori tra 40mila e 150mila euro possono essere affidati tramite procedura negoziata previa consultazione di almeno cinque operatori economici. L’individuazione degli operatori da consultare deve seguire una indagine di mercato ed è sempre necessario il rispetto del criterio di rotazione degli inviti.Tra i 150mila euro e un milione di euro, è sempre possibile la procedura negoziata, ma previa consultazione di almeno dieci operatori. Per importi elevati, superiori a 500mila euro, le stazioni appaltanti motivano il mancato ricorso a procedure ordinarie che prevedono un maggior grado di trasparenza negli affidamenti.

Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag