Turbativa d’asta



Affrontiamo oggi questo discorso. La Sezione penale della Cassazione con la sentenza n. 26556/2021, asserisce che può essere applicato alle procedure di affidamento diretto, il reato di turbativa d’asta.


Che cos'è una turbativa d’asta?

Si intende quel comportamento volontario atto a impedire (o a turbare) le gare nei pubblici incanti e nelle licitazioni private, sia con metodi come promesse, minacce o frodi, sia allontanando o impedendo l’accesso agli offerenti. L’impedimento o la turbativa vanno a discapito non solo delle pubbliche amministrazioni ma degli stessi partecipanti alla gara, per cui il codice penale punisce tale condotta col fine di garantire la massima correttezza delle aste, a tutela sia della collettività che delle imprese partecipanti.